Ad inizio aprile 2020 i contagi sono ancora significativi, così come lo sono anche i decessi ufficiali. Vale a livello nazionale ed in particolare nella nostra Provincia. Si intravede un miglioramento ma nello stesso tempo tempi non brevi.

Il primo decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri su COVID-19 è del 23 febbraio 2020. A distanza di 50 giorni, e nonostante una intensa campagna di sensibilizzazione (#iorestoacasa), si susseguono interventi istituzionali per richiamare i cittadini ad un comportamento conseguente alla gravità della situazione. Comuni, associazioni di volontariato, singoli esercenti hanno attivato dei servizi per la consegna a domicilio di medicine e prodotti alimentari. È stata attivata la distribuzione gratuita di generi alimentari per persone in grave disagio economico.

Nonostante i servizi attivati si osservano ancora tante persone che sono in coda davanti ai supermercati, alle farmacie… e superata l’emergenza dovremo comunque conservare comportamenti di sicurezza e proteggere le persone maggiormente a rischio. Proponiamo di costituire una cabina di regia per contenere ora l’emergenza da Covid-19 e organizzare la fase successiva.

1. La GRANDE DISTRIBUZIONE ha già attivato le consegne a domicilio ma in questi giorni il servizio è rallentato con attese di circa 10 giorni. Dobbiamo quindi trovare soluzioni alternative.

a. Ritiro rapido della spesa. Incrementare l’uso della spesa on-line con ritiro: si chiama il supermercato dando la lista delle cose da prendere, questo prepara le borse e il cliente le ritira senza scendere dall’auto, senza fare code, senza percorrere le corsie.

b. Consegna a domicilio. Dobbiamo pensare, a livello comunale, ad una SMART DELIVERY che porti le cose a casa. Attraverso una suddivisione di Treviglio in macro-zone si possono concentrare le consegne ed evadere giornalmente un numero elevato di richieste.

2. NEGOZI DI VICINATO. Anche i piccoli negozi di generi alimentari vanno inglobati in questo giro di consegne, ma sempre col concetto che non si possono ordinare oggi due mele e domani 3 banane e i pomodori…

3. FARMACIE. Malgrado le farmacie si siano autonomamente attrezzate o si stiano attrezzando per consegne domiciliari, ci sono code. Anche qui si può migliorare la consegna a domicilio e sarà compito e dei medici di base e dei farmacisti stabilire anche un ordine di priorità per la distribuzione.

4. TABACCHERIE. Anche in questo caso è intollerabile pensare che giornalmente sia consentita l’uscita per l’acquisto del singolo pacchetto di sigarette. Attraverso una semplice prenotazione a numeri telefonici, whatsapp, e-mail… si possono ordinare una o più stecche, vietando la vendita di pacchetti singoli.

5. EDICOLE. Ridurre l’apertura delle edicole alla sola mattinata e verificare se possibile concertare un servizio di consegna (già previsto dalle maggiori testate) con le altre piccole distribuzioni.

Fin d’ora è necessario pensare al lavoro, alle risorse, agli strumenti e alle modalità da utilizzare perché si riducano il più possibile le conseguenze negative sull’occupazione: vale per le industrie, le imprese artigiane e commerciali, la libera professione. Una attenzione particolare andrà riservata per chi ha lavori precari. Occorre da subito organizzarsi per essere pronti nel momento in cui, verosimilmente scaglionati, si ripartirà e nel caso in cui, malauguratamente, si dovesse ripresentare qualche altra forma di contagio. A quel punto si sarà ridotta la pressione sugli ospedali e probabilmente avremo tutte le mascherine necessarie ma si presenteranno nella loro durezza le questioni economiche e non sarà irrilevante sapere quante risorse l’ente comunale avrà a disposizione per i propri cittadini. Le priorità dovranno necessariamente cambiare: dal costruire cose al costruire futuro.

PD Treviglio

 


0 commenti su “Proposta per contenere l’emergenza da Covid-19”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Circolo

Positivi al Covid-19 nella popolazione: meglio non sapere?

Si è recentemente molto dibattuto riguardo ai test sierologici come strumento per individuare i soggetti già entrati a contatto con il virus noto come COVID-19. I test sierologici sono di due tipi: i test qualitativi, Leggi tutto&ellip;

Circolo

Emergenza Covid-19. Il milione del Comune che non c’è

Per senso di responsabilità dall’inizio di marzo abbiamo evitato di alimentare dibattiti sulle scelte dell’Amministrazione Imeri. La particolare situazione di emergenza, il numero dei morti, la fatica della gente ci hanno suggerito di evitare distrazioni Leggi tutto&ellip;

Circolo

La città può fare molto

  Siamo tutti consapevoli che questo è un momento straordinario che chiede interventi non ordinari per entità di risorse umane ed economiche da mettere in gioco e per questa ragione abbiamo proposto una cabina di Leggi tutto&ellip;